Pavimentazioni dei sentieri da giardino

Gartenweg-Berater

Una via – quattro opzioni di allestimento

Tutti vorrebbero accedere rapidamente alla casa e al giardino. Un vialetto ben posizionato è, in tal senso, essenziale. Le caratteristiche del rivestimento di fondo giocano un ruolo importante nella scelta: da un lato, deve essere resistente al gelo e, dall‘altro, deve essere integrato armonicamente nel contesto della casa e del suo esterno. Ecco i principi applicabili alle larghezze: da 1.30 m a 1.50 m per il viale principale che porta alla casa, da 50 a 100 cm per i vialetti secondari e 50 cm per i percorsi utilizzati di rado.

1. Lastre di pietra o di calcestruzzo 2. Pacciamatura di corteccia
3. Vialetti in ghiaia 4. Pietra naturale
5. La cura giusta per il vostro vialetto in giardino 6. Lavorare con l'alta pressione
Stein- und Betonplatten

1. Lastre di pietra o di calcestruzzo

Posa su un letto di sabbia o di malta

Le lastre di pietra posate singolarmente a circa. 63 cm di distanza l’una dall’altra (la larghezza di un passo) non creano un vero e proprio viale, ma rappresentano la soluzione più semplice. Anche quelle in calcestruzzo si posano rapidamente su un letto di sabbia o di malta, ottenendo così un fondo stabile.

Vantaggi:

  • Posa semplice e rapida
  • Solide e di lunga durata
  • Disponibili in forme (orme, foglie, tronchi, semicerchi ) e colori diversi
  • Prezzi contenuti

Svantaggi:

  • Le lastre di pietra non sono concepite per le vie di transito
  • Richiedono una regolare manutenzione

Schemazeichnung Stein- und Betonplatten
Rindenmulch

2. Pacciamatura di corteccia

Il nemico naturale delle erbacce

Questa pacciamatura è perfetta per i viali poco utilizzati. Composta da scarti di corteccia, si inserisce armoniosamente nel giardino ed è un materiale naturale e pratico: se il sentiero sfocia in un‘aiuola, potete diserbarle tranquillamente o collocarvi delle piante.

Vantaggi:

  • Nemico naturale delle erbacce
  • Uniforma i dislivelli
  • Migliora il terreno
  • Regola la temperatura
  • Concima il terreno grazie alla decomposizione

Svantaggi:

  • C’è il rischio che il materiale posato su viottoli ombreggiati si disgreghi
  • E' necessario applicare regolarmente un nuovo strato superficiale

Schemazeichnung Rindenmulch
Kieswege

3. Vialetti in ghiaia

Economici e facili da posare

I vialetti in ghiaia possiedono un delizioso fascino d’altri tempi. Se ne trovano di meravigliosi nei parchi dei castelli e in incantevoli giardini pubblici. Poiché tali vialetti non sono particolarmente comodi e richiedono una manutenzione piuttosto ingente, sono un po’ passati di moda.

Vantaggi:

  • Offrono la possibilità di creare forme personalizzate
  • Hanno un prezzo contenuto
  • Facili da posare

Svantaggi:

  • Non sono particolarmente comodi
  • Richiedono molta manutenzione
  • Vi crescono facilmente le erbacce

Schemazeichnung Kieswege
Naturstein

4. Pietra naturale

Abbinare pietre vecchie e pietre nuove

Chi intende riportare a nuovo un vecchio vialetto, non deve per forza gettare le pietre o le lastre vecchie: possono anche essere semplicemente riutilizzate abbinandole a pietre nuove.

Vantaggi:

  • Si creano così vialetti unici nel loro genere che catturano gli sguardi

Svantaggi:

  • Le pietre/lastre devono essere della medesima altezza; in caso contrario la posa risulterebbe difficoltosa

Schemazeichnung Naturstein
Chemiekeule vermeiden

5. La cura giusta per il vostro vialetto in giardino

La cura del vialetto in giardino è fondamentale. Abbiate cura di pulirlo dallo sporco, muschio ed erbacce che crescono sul sentiero. Grazie ai nostri consigli, sarà semplice e veloce.
Innanzitutto, non eliminare lo sporco o le erbacce con trattamenti chimici. Nel caso l'erba diventa troppo fastidiosa e non estetica, usate piccoli attrezzi per elimarla manulamente. Per una superficie di ghiaia, l'erba va estirpata regolarmente. Si consiglia di spalare debitamente la neve nei periodi invernali e non spargere eccesivamente sale, per non intaccare la salute dell'erba.

Mit Hochdruck ans Werk

6. Lavorare con l'alta pressione

Il modo più semplice per pulire le piastrelle di balconi e terrazzi, invece, è utilizzare l'idropulitrice. Indossare, se necessario, occhiali protettivi e azionare l'idropulitrice con una pressione bassa, per evitare danni agli spigoli e agli angoli. L'angolo di impatto del getto d'acqua dovrebbe essere di circa 45 gradi, per preservare il riempimento delle fughe. 

Torna su