L'illuminazione esterna area per area

Lampade per viottoli.

Con la giusta illuminazione per esterni puoi raggiungere in tutta sicurezza la porta di casa, creare un’atmosfera romantica su balconi, terrazze e nei giardini, permettendoti, anche dopo l’imbrunire, di godere delle calde serate estive. In questa guida ti presentiamo i diversi tipi d’illuminazione esterna e i suoi molteplici utilizzi e ti spieghiamo come risparmiare energia e a cosa prestare attenzione al momento dell’installazione. Il codice IP inoltre ci indica il grado di protezione degli involucri dei dispositivi elettrici ed elettronici contro la penetrazione di agenti esterni di natura solida o liquida.

1. Illuminazione per l’entrata 2. Illuminazione dei viottoli
3. Illuminazione per terrazza e balcone 4. Illuminazione da giardino
5. Gestione dell’illuminazione esterna
Illuminazione dell’ingresso della casa con lampade ad incasso, faretti a pavimento e lampade per viottoli.

1. Illuminazione per l’entrata

Per illuminare la zona di ingresso esterna della casa, è prassi montare le lampade a incasso direttamente nella tettoia copri porta. Le lampade a parete sono invece una buona alternativa per ingressi senza questa tettoia. L’altezza ottimale per installare le lampade a parete è circa ¾ dell’altezza della porta. Le lampade da parete vanno montate in modo tale che non abbaglino le persone e che illuminino anche il campanello e il numero civico, sempre che questi non siano già dotati di illuminazione propria. 

Lampada per viottoli che delimita il prato.

2. Illuminazione dei viottoli

Per poter vedere gli ostacoli anche quando è buio, è importante illuminare i viottoli e le scale uniformemente. È possibile fare ciò installando una fila di lampade per viottoli. Quanto più bassa è la luce, tanto minore dovrebbe essere la distanza fra le lampade. Ciò significa anche che le lampade più alte possono essere sistemate a una distanza maggiore rispetto a un tipo di lampade altezza ginocchio.

Per gradini e scale si consiglia di montare lampade a parte. I gradini devono essere visibili soprattutto dall’alto. È pertanto necessario posizionare almeno una lampada nella parte alta delle scale. Per scale vicine a un muro è bene installare delle applique al di sopra dei gradini.

Terrazza rivestita in legno con illuminazione incassata nel pavimento.

3. Illuminazione per terrazza e balcone

Per illuminare terrazze e balconi puoi montare lampade da incasso sulle sporgenze del tetto. Puoi inoltre creare una cornice ottica intorno alla tua terrazza delimitandola con faretti da incasso a pavimento per gli esterni. Di grande effetto anche i faretti con picchetto da infilare in vasi o fioriere, che i balconi piccoli solitamente sono già sufficienti. Altrimenti, puoi donare un tocco romantico al tuo balcone con catene e oggetti luminosi. In caso non sia dotato di corrente elettrica si consiglia l’uso di lampade solari.

Albero illuminato dal basso.

4. Illuminazione da giardino

Puoi creare inoltre con pochi mezzi una scenografia luminosa nel tuo giardino accentuando alberi e piante con dei faretti che dal basso puntano verso l’alto facendoli risaltare nel buio. Se in giardino non trovi nessun oggetto da illuminare, puoi posizionare in alternativa singoli elementi luminosi. È comunque importante non esagerare con le luci per rispettare i vicini e la natura.

Di particolare effetto è la luce combinata all’acqua. Se hai uno stagno o una fontana, posiziona dei faretti a immersione sia per ragioni di sicurezza, sia per creare un angolo suggestivo nel tuo giardino.

Luci esterne accese davanti una casa.

5. Gestione dell’illuminazione esterna

La gestione automatica dell’illuminazione esterna permette di risparmiare energia. Per viottoli e aree che non necessitano di illuminazione continua si consiglia l’utilizzo di rilevatori di movimento. L’accendersi improvviso della luce spaventa inoltre i ladri. Per l’illuminazione della zona di ingresso si consiglia invece di installare un sensore crepuscolare che accende le luci all’imbrunire e le spegne all’alba in modo del tutto automatico. Anche l’illuminazione del giardino non deve essere attiva tutta la notte e può essere regolata con un timer.

Le lampade a LED sono consigliabili per il basso consumo di energia e per creare accenti di colore. Per sistemi d’illuminazione sempre attivi è possibile invece usare lampadine a risparmio energetico. Per rilevatori di movimento le lampadine a risparmio energetico non sono consigliabili poiché queste ultime necessitano di più tempo per fare tanta luce.

Con la giusta illuminazione esterna puoi risparmiare energia e creare un ambiente sicuro e piacevole. Trai ispirazione nei nostri centri OBI! Saremo lieti di offrirti consulenza.

Torna su