Il giardino ad Ottobre

Curare gli alberi da frutto e piantare quelli nuovi

Ora è il momento di potare gli alberi da frutto, se si vuole che maturino altrettanto bene l’anno prossimo. La potatura di diradamento e manutenzione degli alberi da frutto dovrebbe avvenire nelle giornate più tiepide per permettere alle superfici di taglio di chiudersi più rapidamente.

I lavori nel giardino ornamentale

 

Questi sono i lavori da fare ad ottobre nel vostro giardino ornamentale:

● Tagliare i cespugli, trinciare gli scarti e compostarli o utilizzarli per pacciamare
● Piantare i tuberi da fiore. Regola generale: piantarli nel terreno ad una profondità doppia rispetto alla grandezza del tubero
● Estrarre dal terreno i tuberi di dalie, gladioli e fresie e riporli, per l’inverno, in un luogo fresco e asciutto
● Concimare il prato

I lavori nell’orto

 

Questi sono i lavori da fare ad ottobre nell’orto:

● Concludere la raccolta della frutta e raccogliere le specie tardive
● Diradare i cespugli da frutta e pensare a quelli nuovi per il prossimo anno: ora è il periodo migliore per piantare gli alberi da frutto (eccezione: le varietà che amano il caldo come ad esempio i peschi)
● Alberi da frutto: applicare degli anelli di colla a protezione contro i bruchi delle falene invernali
● Rivoltare i terreni pesanti; per quelli più leggeri basta un leggero dissodamento con la forca scavatrice
● Seminare il songino, la portulaca invernale o la rucola. Suggerimento: coprirli con dei teli!

 

La cura del prato in autunno

Rimuovete le estremità tagliate del prato

Fino a quando il prato cresce, bisogna continuare a tagliarlo regolarmente. In genere, comunque, la crescita termina completamente a fine autunno. E’ importante eliminare le estremità tagliate, altrimenti, con il tempo più umido e freddo, si accumulerà ben presto dell’acqua e si formeranno dei funghi. L’erba falciata può essere anche utilizzata come pacciame.

Rifugio invernale per i ricci

Fate in modo che i ricci svernino nel vostro giardino

Cosa fare con i cumuli di foglie secche? Lasciateli a terra dove sono! I cumuli di foglie e rami secchi fungono da comodi rifugi invernali per i ricci. Un’ulteriore protezione la offrono le cataste di legna, gli apparati radicali, i muretti a secco, i gradini, il compost, le siepi o i cespugli più folti. A proposito, i pozzi d’accesso delle cantine e i fossi sono delle vere e proprie trappole per questi animali, meglio coprirli!.

Consiglio pratico

Per proteggere i tuberi da fiore dalle arvicole e simili basta porli nella terra in un’apposita scodella coperta da filo di ferro.