Tetto verde: come realizzare un giardino pensile sul tetto

Tetto verde: come realizzare un giardino pensile sul tetto

Tetti di case, verande oppure autorimesse piantumati non solo appaiono esticamente molto belli, ma sono al contempo dei preziosi polmoni verdi in quanto migliorano l’aria.

Vantaggi ecologici

Fa bene alla natura

Un tetto verde fornisce un'atmosfera di benessere naturale ed aiuta l’ambiente, in quanto:
● Filtra la polvere e le sostanze nocive dell’aria
● Offre agli uccelli e agli insetti un importante habitat
● Ha un effetto insonorizzante                                                         
● Trattiene le precipitazioni (50-90% a seconda del sistema di costruzione)
● Migliora il micro-clima

Vantaggi economici

Fa bene al portafoglio

Oltre agli innumerevoli miglioramenti in termini di qualità della vita, la piantumazione del tetto può portare a dei veri vantaggi economici:
● Minori costi energetici grazie alla compensazione delle oscillazioni di temperatura (raffredda in estate, riscalda in inverno)
● Una durata di vita più lunga del tetto grazie alla protezione dalle intemperie

Zone brulle

Cosa fare?

Preoccupatevi di annaffiare a sufficienza, altrimenti le singole piante potrebbero non crescere bene e creare zone brulle. Per riempire i buchi creatisi nel verde, tagliate alcuni getti dalle piante che si sono ben sviluppate e distribuiteli. Fate attenzione che questi vengano coperti dal substrato. Presto le zone brulle scompariranno.

La giusta cura

Così nasce un folto verde sul tetto

Nei primi due mesi prendetevi regolarmente cura della vostra oasi verde. Successivamente le piante si saranno di norma sufficientemente sviluppate e quindi basteranno due interventi all’anno. Subito dopo la piantumazione annaffiate 2-3 volte alla settimana. E' importante anche controllare il drenaggio e l’impermeabilizzazione del tetto.

Come mantenerlo verde

Non dimenticate di concimare

Per godervi il vostro tetto verde il più a lungo possibile, fornite alle vostre piante sufficienti sostanze nutritive. In caso di carenze dovreste riconcimare una volta l’anno con un concime a lunga durata con rivestimento sintetico. Il periodo ideale per questa operazione è la primavera. Utilizzate ca. 30 g di concime per ogni metro quadrato.

Piantumazione del tetto

 

Come procedere per realizzare un tetto verde...

Scoprite ora come trasformare il vostro tetto in un‘oasi verde. Fate attenzione: in caso di edifici abitati, prima di procedere alla piantumazione dovrete provvedere a far verificare da esperti le modalità di diffusione del vapore acqueo.

Posare il drenaggio
Posare un telo, un vello protettivo e un materasso drenante fino al bordo del tetto. I materassi servono a far confluire l’acqua piovana nella grondaia del tetto. Potete tagliarli semplicemente con un cutter.

Vello filtrante
Il vello filtrante impedisce che venga esercitata pressione sui materassi drenanti . Posatelo sul drenaggio e arrotolatelo sul bordo.

Tagliare lasciando libere le grondaie del tetto
Tagliate tutti gli strati di materiale lasciando libere le grondaie così da lasciar defluire l’acqua in eccesso. Distribuite una striscia di ghiaia larga ca. 30 cm. intorno al canale di scolo per lasciarlo libero.

Distribuire il substrato del tetto
Per ultimo versate il substrato. Distribuitelo sul tetto in modo uniforme con uno spessore di circa 6 cm. Fate attenzione affinchè le grondaie restino libere. Tagliate gli eventuali bordi del telo che sporgono.

Piantumazione
Alla fine provvedete a piantumare le piante perenni (circa 15 ogni metro quadrato). Premetele con forza, in modo da coprire i pani delle piante con un po' di substrato. Per ultimo annaffiate bene tutto il tetto.